Ponedjeljak, 15 travnja, 2024
mons. ŠtironjaNovostiPoruke biskupa

Uskrsna poruka biskupa mons. Ivana Štironje

Uskrsna sveta noć ništi grijehe, pere krivice, i nevinost vraća palima, a radost tužnima. Dokida mržnju, uspostavlja slogu i svladava nasilje“.

(Vazmeni hvalospjev)

Poštovani svećenici, redovnici, redovnice, vjernici laici, dragi prijatelji!

Svake godine u uskrsnoj noći po našim crkvama odjekuju riječi Vazmenog hvalospjeva koji, među ostalim, poručuje: „Ova uskrsna sveta noć ništi grijehe, pere krivice, i nevinost vraća palima, a radost tužnima… Dokida mržnju, uspostavlja slogu i svladava nasilje…“

Ove vazmene riječi po sebi, a i preko glasova radosnih navjestitelja, traže mjesto u našim srcima, žele se iz crkava pretočiti u svakodnevna svjedočanstva vjere, nastaniti se u našim domovima, zajednicama, uredima, tvornicama i ostalim prostorima u kojima se susreću, druže, rade i obitavaju ljudi.  

Planetarna vijest uskrsnuća, potekla s prazna Kristova groba, preobražava iskreno raskajane, pere krivce i okrivljene; podiže pale i one koji su skrivili padove drugima; unosi radost u tužne i u one koji uzrokuju tugu drugima.     

Ovo naše vrijeme, među ostalim, obilježava mnoštvo statistika. Postoje statistike od vanjske čistoće prirode do unutrašnje čistoće naravi duha. Sve to pokreće potreba o čuvanju prirode i održavanju čistoće okoliša na što upozorava i papa Franjo svojom enciklikom „Laudato sì (Hvaljen budi) o brizi za zajednički dom“ (2015.). Papa Franjo u tom dokumentu, među ostalim, donosi i upozorenje sv. pape Pavla VI.: „zadivljujući znanstveni napredci, zapanjujući tehnološki izumi, čudesni ekonomski rast, ma koliko veliki bili, ako nisu združeni s istinskim društvenim i moralnim napretkom, na kraju će se okrenuti protiv čovjeka“ (Laudato sì, br. 4). Dok se, dakle, govori o čistoći okoliša ne smijemo zaboraviti potrebu čistoće naših duša, srdaca i savjesti. Horizontala pretpostavlja vertikalu bez koje se sve ruši.

Dok se u svijetu grade moderne spalionice raznih otpada, ne zanemarimo ispovjedaonice, te izvrsne „spalionice“, gdje se ne samo nište grijesi i svako zlo, nego i sve ono što do toga dovodi. To je put do istinske i prave slobode i ljubavi, siguran je to put do susreta s Uskrslim Gospodinom koji je temelj nade i jamstvo pobjede. 

Sestre i braćo! Neka nas sve zahvati snaga i milost uskrsne noći kako bismo, po primjeru Učitelja, bili snaga palima i radost tužnima.

Neka nas sve zahvati radosna vijest anđela s prazna Kristova groba: „Uskrsnu! Nije ovdje!“ (Mk 16,6) i neka ta vijest probudi u nama novi zalet vjere, nade i ljubavi koje dokidaju mržnju, uspostavljaju slogu i svladavaju nasilje. Isusov „mir vama“ i „ne bojte se“ neka rastjeraju sve vrste straha. Tà Isus nas nije napustio, nego je ostao s nama živ u Euharistiji, po kojoj nas snaži, hrani i šalje da postanemo navjestitelji Radosne vijesti i graditelji boljega svijeta po Božjem naumu.

Čestitajući Uskrs, tu najveću svetkovinu naše svete vjere, molim s papom Franjom: „Gospodine, zahvati nas svojom moći i svojim svjetlom, pomozi nam da štitimo svaki život, da pripravimo tlo za bolju budućnost, da dođe tvoje Kraljevstvo pravde, mira, ljubavi i ljepote“.

Dok molim, posebno mislim na vas, dragi bolesnici, na vas osamljeni, ostavljeni, obespravljeni, zakinuti, prezreni, na vas koji se borite s raznim životnim poteškoćama… Neka vaši križevi i žrtve procvjetaju novom spoznajom vjere i donesu i vama i svijetu obilne plodove mira, nade i ljubavi; neka ojačaju naše crkveno zajedništvo, i sve nas potaknu da budemo Crkva koja se brine za sveopće dobro, sudjeluje i vrši poslanje na koje nas sve Uskrsli zove.

Svima vama čestitam svetkovinu Uskrsa te, uza srdačan pozdrav, na sve vas zazivam obilan blagoslov Presvetoga Trojstva.

Vaš biskup Ivan Štironja

Ovdje preuzmite tonski zapis Uskrsne poruke: https://www.filemail.com/d/ojkdkmekmoyzhks

MESSAGGIO DI PASQUA

“La santa notte di Pasqua annienta i peccati, lava via la colpa e restituisce l’innocenza ai caduti, la gioia ai tristi. Mette fine all’odio, stabilisce la concordia e vince la violenza”.

(Preconio pasquale)

Spettabili sacerdoti, religiosi, religiose, fedeli laici, cari amici!

Ogni anno, nella notte di Pasqua, risuonano nelle nostre chiese le parole del Preconio pasquale, che, tra l’altro, dice: “Questa santa notte pasquale distrugge i peccati, lava via la colpa e restituisce l’innocenza ai caduti e la gioia ai tristi… Mette fine all’odio, stabilisce la concordia e vince la violenza…”

Queste parole pasquali di per se, e attraverso le voci di gioiosi araldi, cercano posto nei nostri cuori, dalle chiese vogliono essere travasate in quotidiane testimonianze di fede, stabilirsi nelle nostre case, comunità, uffici, fabbriche e altri spazi dove s’incontrano, socializzano, lavorano e abitano le persone.

L’annuncio planetario della risurrezione, scaturito dal sepolcro vuoto di Cristo, trasforma i sinceramente pentiti, lava i colpevoli e gli accusati; rialza i caduti e coloro che hanno causato le cadute degli altri; porta gioia ai tristi e a coloro che causano tristezza agli altri.

Questo nostro tempo è segnato, tra l’altro, da una moltitudine di statistiche. Ci sono statistiche dalla purezza esterna della natura alla purezza interna della natura spirituale. Tutto questo è mosso dalla necessità di preservare la natura e mantenere la pulizia dell’ambiente, come ha reso presente Papa Francesco nella sua enciclica “Laudato sì sulla cura della casa comune” (2015). In quel documento, Papa Francesco, tra l’altro, porta un monito a S. di Papa Paolo VI: «Stupefacenti progressi scientifici, stupefacenti invenzioni tecnologiche, miracolose crescite economiche, per quanto grandiose, se non sono uniti ad un vero progresso sociale e morale, finiranno per rivoltarsi contro l’uomo» (Laudato sì, n. 4). Pertanto, parlando della pulizia dell’ambiente, non dobbiamo dimenticare la necessità della pulizia della nostra anima, del nostro cuore e della nostra coscienza. L’orizzontale presuppone il verticale, senza il quale tutto crolla.

Mentre nel mondo si stanno costruendo moderni inceneritori di rifiuti di vario genere, non trascuriamo i confessionali, quegli ottimi “inceneritori”, dove non solo si annientano i peccati e ogni male, ma anche tutto ciò che vi conduce, viene distrutto. È la via alla vera e reale libertà e dell’amore, è la via sicura dell’incontro con il Risorto, che è fondamento della speranza e garanzia della vittoria.

Sorelle e fratelli! Possano la forza e la grazia della notte di Pasqua avvolgerci tutti, affinché, seguendo l’esempio del Maestro, possiamo essere la forza per i caduti e la gioia per i tristi.

Lasciamoci tutti prendere dalla buona novella dell’angelo dal sepolcro vuoto di Cristo: “Egli è risorto! Non è qui!» (Mc 16,6) e questa notizia susciti in noi un nuovo slancio di fede, di speranza e di amore che mettono fine all’odio, ristabiliscono la concordia e sopraffanno la violenza. Che la “pace a voi” e il “non temete” di Gesù dissipino ogni tipo di paura. Gesù non ci ha abbandonato, ma è rimasto vivo con noi nell’Eucaristia, mediante la quale ci fortifica, ci nutre e ci invia a diventare annunciatori della Buona Novella e costruttori di un mondo migliore secondo il disegno di Dio.

Augurando Buona Pasqua, la più grande celebrazione della nostra santa fede, prego con Papa Francesco: “Signore, abbracciaci con la tua forza e la tua luce, aiutaci a proteggere ogni vita, a preparare il terreno per un futuro migliore, affinché venga il tuo Regno di giustizia, di pace, di amore e di bellezza”.

Mentre prego, penso in modo particolare a voi, cari ammalati, a voi soli, abbandonati, privi di diritto, privati, disprezzati, a voi che lottate con varie difficoltà della vita… Possano le vostre croci e i vostri sacrifici sbocciare con una nuova conoscenza di fede e portino a voi e al mondo abbondanti frutti di pace, di speranza e di amore; rafforzino la nostra unità ecclesiale, e incoraggino tutti noi ad essere una Chiesa che ha cura del bene comune, partecipa e realizza la missione alla quale il Risorto ci chiama tutti.

A tutti voi porgo i miei auguri per la solennità della Pasqua e, con un cordiale saluto, invoco su tutti voi l’abbondante benedizione della Santissima Trinità.

Il vostro vescovo Ivan Štironja

(Prijevod: G. Krizman)

Najave